Cos’è la prova di ripresa?

Cos’è la prova di ripresa?

La Proof-of-stake è un metodo per mantenere l’integrità di una moneta criptata, impedendo agli utenti di stampare monete extra che non hanno guadagnato. Mentre un metodo diverso, chiamato proof-of-work, è attualmente utilizzato da Bitcoin ed Ethereum – le due maggiori valute crittografiche per capitalizzazione di mercato – Ethereum ha programma di migrare al proof-of-stake per Bitcoin Storm rendere la piattaforma più scalabile e ridurre il consumo energetico della rete.

Sia il proof-of-work che il proof-of-stake sono quelli che vengono chiamati „meccanismi di consenso“, il metodo con cui una catena di blocco mantiene la sua integrità. Il consenso è ciò che affronta il problema della „doppia spesa“ del denaro digitale. Se ci fosse un modo in cui l’utente di una moneta criptata potesse spendere le proprie monete più di una volta, l’intero sistema ne risulterebbe indebolito. La moneta non avrebbe alcun valore.

Questo è un problema spinoso, soprattutto con le valute online che non hanno un’autorità centrale, come una banca o un governo, per tenere traccia di quanto denaro ha ogni persona, come lo sta spendendo e chi sta pagando.

La rete Bitcoin è stata la prima a risolvere questo problema con la prova del lavoro. La prova del lavoro è emersa come una possibile alternativa che alcuni ricercatori ritengono sia più efficiente dal punto di vista energetico e più sicura, anche se c’è un dibattito su questo.

Perché è necessaria la prova del funzionamento?

Non è così difficile evitare una doppia spesa in modo centralizzato, quando c’è un’unica entità che gestisce un libro mastro di tutte le transazioni. Quando Alice invia a Bob 1 dollaro, il gestore del libro mastro centrale prende semplicemente 1 dollaro da Alice e ne dà 1 a Bob. PayPal fa esattamente questo.
Iscriviti a Money Reimagined, la nostra newsletter sui dissesti finanziari.
Iscrivendoti, riceverai delle e-mail sui prodotti CoinDesk e accetti i nostri termini e condizioni e la nostra politica sulla privacy.

Ma le valute criptate sono diverse. L’obiettivo non è quello di avere un solo leader o un’entità in controllo del sistema, il che rende più complicata la tenuta dei registri.

Invece di un solo leader, migliaia di utenti gestiscono il software Bitcoin in tutto il mondo. Questi „nodi“ garantiscono il rispetto delle regole della rete. Questa infrastruttura tentacolare deve essere legata insieme in modo che tutto il software sia d’accordo. Altrimenti questi nodi saranno isole disconnesse.

Si scopre che non è facile far sì che questi utenti in tutto il mondo siano d’accordo tra loro, quindi il denaro decentralizzato è stato fuori dalla portata dei ricercatori per molto tempo. Finché non è arrivato Bitcoin. La prova del lavoro è l’innovativo algoritmo che il creatore di Bitcoin, Satoshi Nakamoto, ha ideato, facendo nascere per la prima volta il denaro decentralizzato senza un leader.

Prova del lavoro vs. prova dello stadio

Alcuni sostengono che la prova del lavoro ha dei problemi. Poiché l’estrazione mineraria di Bitcoin (BTC, +2,9%) è diventata concentrata, alcuni gruppi sono diventati più potenti di quanto il creatore di Bitcoin intendesse fare. E attualmente la Bitcoin utilizza almeno tanta energia quanta ne consuma tutta la Svizzera. (Altri sostengono che non è così male perché anche l’attuale sistema finanziario usa molta energia).

In poche parole, questi schemi di proof-of-X aiutano a verificare quali transazioni vengono aggiunte alla catena di blocco tramite blocchi, che vengono riempiti con le ultime transazioni. Il vincitore riceve una ricompensa.

La prova del lavoro e la prova dello scatto scelgono ciascuna un „vincitore“ – l’entità che creerà il blocco successivo – in un modo diverso.

Con la prova del lavoro, i minatori sono i partecipanti. È più probabile che aggiungano altri blocchi alla catena di blocchi se hanno più potenza di calcolo, che è alimentata dall’elettricità.

Con la prova di lavoro, i minatori hanno maggiori probabilità di vincere blocchi aggiuntivi se hanno più soldi – etere, nel caso dell’Etereum. In altre parole, il proof-of-stake si basa sulla „prova“ di quanta „posta in gioco“ hanno gli utenti.

I critici sostengono che non è stato ancora provato che la „proof-of-stake“ possa sradicare questi problemi. Ma i sostenitori pensano che potrebbe essere la via da seguire.